Arlecchino Errante 2010
page

con questo piccolo cambio di preposizione vogliamo aprire a sguardi mitici e fantastici (ma anche etici e politici) sulle tipologie della rappresentazione in cui il “lupo” gioca il ruolo simbolico dello antagonista e/o quello epico della vittima. Come se, in … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2009
page

si intende indagare e praticare la capacità comunicativa, al di là di ogni barriera culturale, di un certo tipo di linguaggio del corpo, dotato di risonanze antropologiche profonde e costruito per “arrivare” all’ascoltatore.Il KATHAKALI è una forma complessa di teatro-danza, … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2008
page

l’intraducibile espressione inglese “The Holy Fool” accosta l’aggettivo di “santo” al buffone-clown, al matto, al giullare, al sempliciotto sagace: insomma a quella figura popolare di poeta-profeta radicata in ogni cultura del mondo. Maestri ospiti: Leo Bassi Docenti: Claudia Contin, Ferruccio Merisi Spettacoli, … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2007
page

“Utopia”, ovvero nostalgie, negazioni, immaginazioni infinite… Tutto ciò che le filosofie della ragion pratica da sempre chiamano illusione. Su questo orizzonte viene disegnato il programma didattico, oltre a quello degli spettacoli. Così la “monografia d’appoggio”, la finestra sinergica su altre culture (teatrali … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2006
page

È la parola che definisce quest’anno la prospettive dello sguardo di Arlecchino sempre più Errante. Un tema che fa appello certamente all’origine delle maschere e alla loro “allupata” selvatichezza, ma che si coniuga con altre valenze del bisogno insindacabile di … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2001
page

La marionetta, ovvero l’attore e il suo doppio ha le articolazioni -semplici o complesse- di un qualsiasi strumento o macchina. Ma qual è il suo lavoro? Essa agisce sui cuori, sui sogni, sulle emozioni più nascoste. Staccata dall’uomo-attore, è più … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2005
page

C’è una possibilità del teatro che consiste nell’evocare – o convocare – un personaggio e il suo destino. La cerimonia (ovvero lo spettacolo) potrà, forse, realizzare una conferma del buio oppure una illuminazione. E l’attore presta la sua vita, per un’ora, ad una … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2004
page

la Grazia Difforme è uno sguardo sugli orizzonti non-conformisti del Teatro (e dell’Arte in generale); soprattutto rispetto alle forme, e alla loro essenza di strutture di rappresentazione e di interpretazione della realtà. Lungi dal pretendere di cambiare la realtà, il … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2002
page

La Commedia dell’Arte della Scuola Sperimentale dell’Attore di Pordenone prosegue nel suo progetto di incontro con i capisaldi della cultura teatrale di tutto il mondo, per un loro recupero a favore delle nuove generazioni di attori e di spettatori. Definita … Continua a leggere

Arlecchino Errante 2003
page

il segreto di Pulcinella. un titolo pieno di echi, che rispecchia una triplice volontà: quella di indagare, nell’esempio più smagliante, la relazione tra tutta una gamma di tradizioni, di usi e di modalità popolari e una particolare maschera; quella di … Continua a leggere

1 2 3